Seitenauswahl
Cerca
Cerca

Protezione contro la caduta massi

Caratteristiche principali dei sistemi di protezione paramassi della PFEIFER ISOFER

Grazie alla stabilità delle reti a maglia diagonale, alle due funi portanti in parallelo e all'andamento lineare della forza di frenata, i sistemi ISOSTOP sono in grado di assorbire anche elevati livelli di energia con minime forze di ancoraggio. A differenza delle reti ad anelli, quelle a maglia diagonale possono essere riutilizzate più volte.

Reti metalliche a maglia diagonale

I cavi metallici che compongono queste reti sono fissati in senso diagonale da morsetti a croce elastici che non li danneggiano. Nei sistemi ISOSTOP e ISOSTOP E tali reti sono montate in maniera allentata, non tesa. Ciò permette da un lato un migliore adattamento al terreno e dall'altro una migliore ritenuta dei sassi e dei massi poiché questi non possono rimbalzare ed eventualmente superare la rete, né passarci al di sotto. Inoltre, le reti allentate assicurano una notevole dispersione di energia dovuta al movimento che avviene nel sistema stesso.

Disposizione delle funi

Oltre alla configurazione a singola fune portante, utilizzata soprattutto per le classi di energia inferiori, nei nostri sistemi utilizziamo anche quella a doppia fune portante. In caso di caduta massi, questo tipo di configurazione a fune portante superiore ed inferiore trasmette le forze che agiscono sulla rete agli elementi frenanti nella sezione adiacente che in tal modo possono lavorare senza intoppi. Inoltre, questa configurazione facilita la messa in tensione delle funi dopo l'evento o, se necessario, la semplice e veloce sostituzione degli elementi frenanti.

Elemento frenante

Il componente chiave dei sistemi ISOSTOP ed ISOSTOP E è l'elemento frenante da noi ideato e realizzato, che garantisce un andamento lineare della forza per tutto lo spazio di frenata. Dopo aver eseguito il suo lavoro, o in caso di necessità, il tipo di costruzione semplice dell'elemento frenante permette inoltre la sua facile e veloce sostituzione.